Mi sono spostato!

Mi sono spostato!
Seguitemi amici. Grazie!

09 aprile 2009

Dormita divina.

Gava satira vignette

5 commenti:

Alessandra ha detto...

In genere le tua vignette mi piacciono sempre, ma questa no. Le case sono crollate perchè costruite male dagli uomini; piuttosto che pensare che Dio abbia guardato da un'altra parte, sono gli uomini che dovevano controllare la qualità delle abitazioni che hanno dormito o hanno guaradato da un'altra parte... o pensi che Dio debba sanare le ruberie, l'inerzia e l'ignoranza della gente perchè loro possano continuare a fare i propri comodi come sempre?

Alessandra ha detto...

P.s. Dare la colpa a Dio è molto comodo, ma non ci assolve ...

gavavenezia ha detto...

Ciao Alessandra , sono lieto che la mia vignetta non ti piaccia...mi spiego meglio, preferisco una critica costruttiva come la tua ad un :-) o ;-). Questo discorso meriterebbe pagine di discussione. Io penso che Dio si colpevole, nella stessa maniera che lui non lo sia affatto. O Dio è colpevole di tutto, sbagli degli uomini compresi, o non ha alcun merito , per nessun cosa bella che succede al mondo. Se il chirurgo salva la vita ad un bambino, si ringrazia dio, se muore, il dottore è stato un inetto. Non sopporto che nelle cose atroci nn ci sia la complicità di Dio. Se nasce un bimbo tetraplegico di chi è la colpa ..di Belzebu? Dio per me è tutto o niente. la fede non è un menù , nn puoi decidere cosa ti aggrada. Ripeto tutto o niente. Bisogna che qualcuno si assuma le sue responsabilità.Mi piacerebbe cmq che il dibattito nn finisse qui...ciao. spero di nn ver cmq perso un "ammiratrice"

Alessandra ha detto...

Non hai perso un'ammiratrice, ci mancherebbe succedesse per una vignetta che non piace!
Solo mi dispiace vedere Dio rappresentato come indifferente a ciò che ci succede ... perchè sono sicura che non sia così (i motivi sono molti e piuttosto complicati); certo, il dibattito su questo è molto più complesso e potrebbe andare avanti per un bel po'... ne convieni con me però che, capitolo bambini tetra a parte, se tutti avessero fatto il proprio lavoro almeno decentemente, un po' di queste morti non ci sarebbero state ... allora di chi è al colpa: del terremoto o di chi non ha fatto il proprio dovere? ...
Tanto per aggiungere un capitoletto al dibattito più generale, in mezzo a tutto c'è sempre il nostro libero arbitrio (che non è cosa da poco), e per ciò che mi riguarda mi sono portata a casa sia le cose belle che quelle parecchio brutte, sicura che se non si vede il senso di una cosa non vuol dire che per forza non ci sia. Insomma (tanto per proseguire nella chiaccherata) se chiedi ad un uomo cieco di parlarti dei colori potrebbe dirti che per lui non esistono, questo non significa che non esistano in generale ... mi sto allungando troppo?

jeneregretterien ha detto...

ogni volta che accade una tragedia, qualcuno si chiede Dio dov'era. E' capitato anche per l'olocausto, così spaventoso da porre questo interrogativo.
Ho visto l'anno scorso uno spettacolo teatrale; Processo a Dio, con Ottavia Piccolo. Viene tenuto un vero e proprio processo, con accusa e difesa ed io ne sono uscita con tanti interrogativi a cui non ho saputo dare risposte.
Non sono credente, quindi penso che tutto sia riconducibile all'uomo.
Pensavo di usare la tua vignetta per il post che intendo scrivere sull'argomento, come ho fatto anche altre volte.
Un saluto